La splendente nazione dell'Est

L'attacco dei Druidi Cinerei

Seconda giocata della campagna

L’attacco dei druidi ad Ahlamed è imminente, dobbiamo tornare di fretta ad aiutare la gente del villaggio!

Alcuni abitanti si rifugiano all’interno del Forte grazie a Tanequil, ma altri si disperdono in preda al panico nella foresta. Mentre la guarnigione difende il forte con le frecce, noi ci troviamo a fronteggiare il nemico all’ingresso della città. Sono tre treant e numerose piante più piccole. All’inizio ce la vediamo brutta perche le piante esplodendo rilasciano delle spore che ci confondono e ci fanno combattere tra di noi. Poi ci riprendiamo e blocchiamo l’attacco dei Druidi ad Alamead.

Per aiutare la ricostruzione decidiamo di andare a recuperare del materiale in una cava di pietra che conosce Tanequil, e che si trova appena oltre il confine, in territorio Karnath. Probabilmente dovremo accaparrarcelo con la forza. Per precauzione ci travestiamo da mercanti. Al confine inganniamo le guardie senza troppi problemi. Alla cava contrattiamo un po’ con il titolare e riusciamo ad ottenere tre chiatte di materiale per 7500 galifar, un prezzo abbastanza esorbitante, ma vista la velocità con cui ce la consegnano non siamo riusciti a fare di meglio. Torniamo ad Alamead con le chiatte.

Quella notte il Senzanome, guardando la foresta dagli spalti del Forte assiste alla comparsa improvvisa di un edificio fatto di legno e arbusti, che poi scompare alla vista. Il giorno dopo andiamo nella foresta alla ricerca di questo edificio. Incontriamo un Eladrin, incontro più unico che raro, infatti non sappiamo che è un Eladrin e non abbiamo mai sentito parlare di una creatura del genere, tranne Tanequil. L’Eladrin non sa perchè è finito nella dimensione di Eberron, ma viene con noi per cercare un modo per tornare su Telanis. Avvicinandoci all’area in cui dovrebbe trovarsi l’edificio incrociamo un gruppo di piante semoventi, ovviamente ostili, e poi una creatura che è un groviglio di piante con degli occhi. Intorno a noi dei rampicanti si intrecciano a formare una cupola. Siamo costretti a combattere.

Al termine del combattimento ci accorgiamo che il collegamento col piano di Telanis si è interrotto, e l’Eladrin è rimasto qui. Il suo nome è Deralam, ci confessa che in realtà non si trova qui per caso. L’edificio che abbiamo visto comparire è una costruzione Eladrin di Telanis, da dove lui proviene. È stato mandato, insieme ad una decina di altri Eladrin, fuori dall’edificio per indagare sulla corruzione del loro piano. Telanis normalmente è immune perchè è totalmente naturale, ma di recente la corruzione è arrivata anche lì.

Deralam cercherà i suoi compagni Eladrin, mentre noi andiamo verso le Pianure Talenta ad incontrare un amico di Jarell che fa parte dei Druidi Cinerei.
Nel bosco inciampiamo in un gruppo di orsogufi, riusciamo a scappare anche se con difficoltà. Giunti al luogo in cui vive l’amico di Jarell, un albero cavo, dobbiamo lasciare tutti gli oggetti di metallo prima di entrare. Il passaggio dà accesso a una caverna sotteranea con una dozzina di halfling. Raku, l’amico di Jarell, è estremista come tutti i druidi e non è contento di avere a che fare con il principe del Cyre, che commissiona forgiati e appoggia il progresso. Ma quando gli riferiamo delle aberrazioni generate dal suo ordine vicino ad Alamead accetta un compromesso. Ci aiuterà a tenere sotto controllo il suo ordine.

Comments

Guolfo AndryD

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.