Schiera

Sovereign_host_4e.jpg

La Schiera Sovrana è composta dalle divinità più comunemente adorate dalla maggioranza della popolazione del Khorvaire. Molti fedeli adorano l’intero pantheon della Schiera, innalzando preghiere alle varie divinità a seconda delle situazioni. Perfino i chierici spesso si dichiarano fedeli all’intera Schiera invece che a un patrono specifico. Nella sua interezza, il pantheon è di allineamento neutrale buono e la sua arma preferita è la spada lunga, l’arma del suo campione in guerra, Dol Dorn.

Arawai
Dea dell’Agricoltura
Arawai, la divinità della fertilità, della vita vegetale e dell’abbondanza, è neutrale buona. Annovera molti druidi e ranger tra i suoi seguaci, nonché contadini, marinai e tutti coloro che sono più strettamente collegati al tempo atmosferico e alla fertilità. Arawai viene solitamente ritratta come una mezzelfa, altre volte come una donna umana o halfling e di tanto in tanto come un drago di bronzo. È la sorella di Balinor e del Divoratore, e la madre della Furia (come risultato della violenza derivante dal suo fratello malvagio, stando a quanto riportato nei testi sacri). Veglia sul dominio del Bene, del Tempo Atmosferico e vegetale. La sua arma preferita è la morning star.

Aureon
Dio della Legge e della Conoscenza
Aureon, la divinità della sapienza e della magia, è legale neutrale. E il patrono di tutti gli incantatori arcani, nonché dei saggi, dei bibliotecari e degli scriba; spesso viene raffigurato come un mago umano o gnomo nei testi più antichi, o più raramente come un maestoso drago blu. E il fratello di Onatar, il marito di Boldrei e ha uno strano collegamento con l’Ombra. E associato ai domini della Conoscenza, della Legge e della Magia e la sua arma preferita è il bastone ferrato.

Balinor
Dio delle Bestie e della Caccia
Balinor, una divinità neutrale della natura, associata alla vita animale e della caccia, annovera i cacciatori, i druidi, i barbari e i ranger tra i suoi seguaci, dal momento che appare sia come protettore della natura che come esempio di chi trae ciò che necessita per il sostentamento dalle ricchezze della natura. Solitamente viene raffigurato come un umano poderoso, a volte come un mezzorco rozzo ma di buon cuore, e di tanto in tanto come un infido drago verde; è il fratello di Arawai e del Divoratore. E associato al dominio Animale, dell’Aria e della Terra e la sua arma preferita è l’ascia da battaglia.

Boldrei
Dea della Comunità e del Focolare
Boldrei, la divinità legale buona della comunità, viene considerata la protettrice dei villaggi e delle case, viene invocata per benedire,i matrimoni e consacrare le cariche governative. Nei testi antichi viene solitamente dipinta come una popolana di qualsiasi razza, oppure come drago di bronzo che cova una nidiata di uova; è la moglie di Aureon. I domini sotto la sua influenza sono quelli del Bene, della Comunità, della Legge e della Protezione. La sua arma preferita è la lancia.

Dol Arrah
Dea dell’Onore e del Sacrificio
Dol Arrah, la divinità legale buona del combattimento onorevole, del sacrificio personale e della luce del sole, si manifesta come una portatrice di pace, una meticolosa pianificatrice e una stratega. Funge da patrona dei paladini, dei generali e di quei diplomatici che combattono le loro battaglie con le parole. Inoltre, nel suo ruolo di dea del sole, porta la luce per disperdere le tenebre nei luoghi più bui del mondo. Viene solitamente rappresentata come una mezzelfa o un’umana in tenuta da cavaliere e avvolta in un alone radioso, oppure come un drago rosso appollaiato su una nuvola. Si dice che sia sorella di Dol Dorn e del Simulacro ed è associata ai domini del Bene, della Guerra, della Legge e del Sole. La sua arma preferita è l’alabarda.

Dol Dorn
Dio della Forza e delle Armi
Dol Dorn, la divinità caotica buona della guerra, si manifesta come modello esemplare di perfezione fisica, che incoraggia la cura della forza del corpo e dell’addestramento nell’uso delle armi. Spesso raffigurato come un uomo forte e muscoloso, a volte come un nano o un mezzorco e più raramente come drago d’argento, sembra essere il fratello di Dol Arrah e del Simulacro. E associato ai domini del Bene, del Caos, della Forza e della Guerra e la sua arma preferita è la spada lunga.

Kol Korran
Dio del Commercio e della Ricchezza
Kol Korran, la divinità neutrale del commercio e del denaro, è adorata dai mercanti, dai commercianti e dai ladri, nonché da chiunque possieda ricchezze o le desideri. E raffigurato come un umano grasso e gioviale, oppure come un nano riccamente vestito. Alcune raffigurazioni più antiche lo dipingono come un drago bianco che giace su un letto di gemme color azzurro ghiaccio. Si dice che sia il figlio di Olladra e Onatar e il fratello gemello del Custode, e veglia sui domini dello Charme, del Commercio e del Viaggio.

Olladra
Dea dei Banchetti e della Buona Sorte
Giocatori d’azzardo, ladri, bardi ed edonisti invocano il favore di Olladra, la divinità neutrale buona della fortuna e dell’abbondanza. Viene spesso raffigurata come una giovane halfling, a volte come un’umana anziana e più raramente come un drago nero. È la moglie di Onatar e la madre di Kol Korran e del Custode, ed è associata ai domini del Banchetto, del Bene, della Guarigione e della Fortuna. La sua arma preferita è il falcetto.

Onatar
Dio dell’Artificio e della Forgia
Onatar, la divinità neutrale buona dell’artigianato, dell’industria e del fuoco, è il patrono degli artigiani e degli artefici, dei fabbri e dei forgiatori, e di chiunque costruisca oggetti. Sono soprattutto i nani ad adorarlo: solitamente nei testi sacri viene raffigurato come un nano fabbro, oppure come un drago di ottone. Anche i maghi e gli psion che si specializzano nel fuoco lo adorano. È il marito di Olladra e il padre di Kol Korran e del Custode, e veglia sui domini dell’Artificio, del Bene e del Fuoco; la sua arma preferita è il martello da guerra.

Schiera

La splendente nazione dell'Est Guolfo Guolfo